Il “Progetto Made in Italy” nasce su iniziativa di tre scuole:  “F.Datini” di Prato, “A.Moro” di S.Cesarea Terme (LE), “Rita Levi-Montalcini” di Acqui Terme (AL) con lo scopo di far conoscere  le caratteristiche turistiche e le specialità culinarie delle tre regioni italiane in cui operano:  Toscana, Puglia, Piemonte.

Docenti e studenti sono ambasciatori del “Made in Italy” in collaborazione con realtà imprenditoriali locali; il progetto comune è stato sviluppato in Vietnam nell’ottobre 2016, la seconda tappa, invece, si è appena conclusa a Hong Kong e Bangkok che sono state le nuove mete per la promozione e la valorizzazione di turismo ed enogastronomia, due eccellenze italiane alla base del progetto che porterà la nostra scuola prossimamente anche a Vancouver in Canada.

Il montalcini a Hong Kong

I ragazzi ed i docenti sono stati ospiti dell’Istituto Yan Chai Hospital Wong Wha Sun Secondary School di Hong Kong e dell’istituto Dusit Thani College di Bangkok durante i quali si è svolto lo show cooking e la presentazione delle scuole con le varie offerte di promozione del nostro territorio.

I Dirigenti e i Docenti sono stati invitati alle Ambasciate Italiane di Hong Kong e Bangkok che hanno entrambe manifestato vivo interessamento e apprezzamento per l’iniziativa, prospettando possibilità di collaborazioni future.

I nostri ragazzi, coinvolti in prima persona, hanno partecipato attivamente e con grande coinvolgimento.

 

Questo il loro racconto:

Aver partecipato a questo progetto è stata una grande opportunità che ci è stata offerta; siamo fieri di aver portato all’estero il nome della nostra Scuola, i nostri progetti  e i nostri punti forti.

Il viaggio ci ha permesso inoltre di conoscerci, di fare amicizia e di essere un gruppo unito durante l’intero soggiorno. Tra i molteplici aspetti delle due città, Hong Kong e Bangkok, ci ha colpito il fatto che la loro cultura sia completamente diversa dalla nostra, passando dall’alta tecnologia alla carenza di principi per noi fondamentali come le condizioni igieniche dei mercati, il traffico automobilistico mal gestito e situazioni di sicurezza precarie come i cavi della corrente non interrati (questo solo a Bangkok).

Il montalcini a Hong Kong

Ci ha stupito, invece, l’organizzazione del loro sistema scolastico, dei trasporti pubblici e il senso civico, di gran lunga superiore al nostro.

Con le escursioni sui battelli lungo il fiume di Bangkok e con il team che ci ha

portati fino al Victoria Peak, posto più alto della città di Hong Kong, ci è stato permesso di scoprire luoghi incantevoli delle due metropoli con una vena di divertimento.

L’opportunità che ci è stata offerta è stata un’esperienza unica e irripetibile che ci ricorderemo per sempre, un bagaglio culturale che ci sarà utile nella vita.

Maddalena Merialdo, Riccardo Ghignone, Alessio Cammisa, Alessia Bonelli con Giovanna Pasetti, Roberta Ferrando e il DS Claudio Bruzzone.


Pubblicata il 19 ottobre 2016